lunedì 24 giugno 2013

Te lo Dico con la Coda


                               
  Capire cosa dice la coda di un gatto
 significa avere un notevole vantaggio su di lui                      








                                   

I gatti ci parlano con tutto il loro corpo. Guardate la loro coda e capirete il loro stato d’animo e quello che vogliono dirvi.

La coda del gatto è sempre stata affascinante, anche perché non è mai ferma… a meno che il gatto non sia profondamente addormentato. I suoi movimenti possono variare dall’immobilità assoluta a vigorose sferzate, oppure si può gonfiare o muoversi come il pennello di un bravissimo pittore.

Vediamo quelle che sono le posizioni più comuni che può assumere la coda di un gatto e il loro significato:

Posizione verticale:
un vero e proprio saluto amichevole verso un altro gatto o un essere umano; il gatto è sicuramente tranquillo perché sa’ che non esiste per lui alcuna minaccia.

Posizione verticale ma leggermente ondeggiante:
indica la felicità e l’eccitazione del vostro animale, magari quando gli date qualcosa (forse il cibo).

Posizione verticale ma decisamente dondolante:
è sempre un saluto… anche se con qualche riserva.

Leggermente rialzata e ricurva: 
qualcosa ha catturato l’interesse del gatto.

Dolce curva verso il basso ma con la punta rivolta verso l’alto:
totale relax e appagamento.

La coda è rivolta verso il basso, con la punta verso l’alto, e percorsa da leggeri spasmi:
Il vostro amico è leggermente agitato e irritato.

Stessa posizione di prima ma con spasmi decisamente più frequenti: 
molto irritato e annoiato.

Coda dondola vistosamente da un lato all’altro:
 il gatto è molto arrabbiato.

La coda è arcuata e il pelo irto:
tipica posizione del gatto pronto all’attacco… o alla difesa, se la situazione dovesse peggiorare.

Posizione retta e con il pelo completamente irto:
 sinonimo di aggressione o difesa da un altro gatto.

Coda tra le gambe:
sconfitta

Coda avvolta intorno al corpo:
può significare o una particolare contentezza oppure, se il vostro gatto è mite, potrebbe essere leggermente sulla difensiva.




"E’ interessante notare che quando due gatti sono in conflitto, tenderanno ad avvolgere le loro code intorno al corpo, in modo da apparire più grandi e spaventare l’avversario"

"La coda del gatto non è solo un elemento importante del linguaggio corporeo, ma è anche parte fondamentale del naturale equilibrio felino"

La coda di un gatto è usata per il bilanciamento. Se un gatto sta camminando sulla cima di un recinto o in cima a un muro stretto e decide di voltare la testa di lato, la coda si sposta automaticamente nella direzione opposta: in questo modo sposta il proprio centro di gravità, evitando il rischio di cadute poco eleganti. Se decide di cambiare direzione, la coda funziona come un contrappeso e permette al gatto una virata improvvisa, senza perdere il suo equilibrio.



Anche se le code sono i principali indicatori dello stato d’animo di un gatto, a volte la loro interpretazione può essere fuorviante: bisogna osservare tutte le parti del corpo, come gli occhi, le orecchie, le zampe e la bocca, perché anche queste giocano un ruolo importante nel determinare i sentimenti e messaggi che un gatto sta trasmettendo. La reazione alla rabbia o alla paura non è intenzionale ma si basa sui riflessi del gatto:, quindi a volte può indurre le stesse reazioni.

Forse anche per questo motivo si pensa sempre che i gatti siano creature misteriose.



Fonte
http://accessorigatti.com/blog/curiosita/coda-gatto/
Posta un commento