martedì 25 giugno 2013

IL Gatto e' Stressato che fare...





Il vostro gatto negli ultimi tempi ha comportamenti strani che non ha mai avuto prima?
Pensate che ci sia qualcosa che non va in lui ma non sapete cosa fare? Volete cercare di capire se è stressato o ha solo un comportamento che è conseguenza di una situazione diversa che c’è in casa? Questa guida potrà darvi alcune indicazioni utili per capire se il vostro gatto è stressato, e per porre rimedio alla situazione, se davvero si tratta di stress.


1 Quali sono i comportamenti di un gatto che ci consentono di capire se davvero è felice oppure se è stressato? Un gatto che si trova in perfetta armonia con il suo ambiente ha i seguenti comportamenti: è un animale che mangia a intervalli regolari e nelle giuste quantità, che usa la sua cassetta per i bisogni senza alcun problema; è un gatto che gioca con i suoi peluche o altri oggettini, che ha un atteggiamento sereno e giocoso con i componenti della famiglia, anche se non è un grande giocherellone, e che trascorrere anche alcuni momenti da solo senza problemi.


2 Invece un gatto che possiamo definire “stressato” mostra alcuni comportamenti che diciamo “tipici” dello stress: si tratta di segni clinici inequivocabili, quali inappetenza oppure una grande ingordigia, mangia a tutte le ore e in quantità abbondanti con molta voracità (quasi una bulimia), a volte ha vomito, oppure al contrario ha diarrea e così via. Si può dire che il gatto è stressato anche se mostra alcuni comportamenti alterati rispetto ai suoi comportamenti naturali: si può trattare di comportamenti normali ma che sono manifestati con frequenza, durata o intensità, che risultano anomali rispetto al solito. Per esempio se un gatto trascorre moltissimo tempo a leccare il pelo (grooming), quasi a strapparlo, oppure se ha veri e propri comportamenti “strambi” a cui si cerca di dare una spiegazione, quali ad esempio quello di fare la pipì, o di defecare, sui piedi di una persona di casa o in altre zone della casa come i letti o i divani, oppure di miagolare senza un motivo apparente. 

3 Cosa possiamo fare per cercare di rendere il nostro gatto più sereno e porre fine a questi comportamenti? Per prima cosa risulta fondamentale cercare di comprendere il nostro gatto e di conseguenza accettare la sua normale personalità; per esempio alcuni gatti non amano essere presi e stare in braccio alle persone, e se qualcuno li prende con la forza questi soffiano e si divincolano, quasi come animali selvatici; se invece, quando il gatto si avvicina a noi, lo accarezziamo dolcemente, senza assolutamente costringerlo, ci accorgiamo che può iniziare a fare le fusa e può diventare davvero dolce e adorabile! Inoltre bisogna sapere che non è assolutamente vero che il gatto desidera stare spesso da solo, dipende dal carattere del singolo gatto: ci sono alcuni gatti che non amano, o comunque tollerano per poco tempo, il contatto fisico con le persone, ma ciò non vuol dire che non gradiscono la presenza dei componenti della famiglia; noi potremmo organizzare i nostri impegni in maniera tale da riuscire a ritagliarci un po’ di tempo da trascorrere con il nostro micio.




4 Infine, non dobbiamo dimenticare che gli anni trascorrono inesorabili anche per il nostro gatto, sebbene lo vediamo sempre vivace e in forma, e si possono verificare anche per lui dei cambiamenti nel comportamento semplicemente causati dall'età avanzata. Dobbiamo quindi, come succede anche per le persone anziane di famiglia, riuscire a interpretarli, comprenderli e tollerarli nei limiti delle regole di convivenza. Comunque la cosa migliore che possiamo fare, quando il nostro gatto ha un comportamento compulsivo, è ignorarlo del tutto. Può risultare utile anche cercare identificare se esiste una particolare causa dello stress e provare a rimuoverla, ma non è sempre facile capire questa causa e, anche se viene rimossa, il comportamento anomalo può persistere. In ogni caso è bene che per il nostro gatto creiamo in casa un ambiente sereno e stimolante, assicurandogli una buona possibilità di movimento orizzontale e verticale, possibilmente anche con giochi interattivi. Sarebbe sempre cosa opportuna sottoporre il nostro gatto ad una visita veterinaria abbastanza approfondita al fine di escludere eventuali patologie organiche che possono provocare i comportamenti anormali. In casi estremi, qualora il comportamento del vostro gatto sia davvero strano e persista, e ciò provochi seri problemi alla vita della famiglia, sarà il veterinario stesso a consigliarci il comportamento migliore da adottare.


      Consigli: Fate sentire al vostro gatto che gli volete bene!


Fonte
http://www.animalidalmondo.it/come-fare-con-un-gatto-stressato-181199.html
Posta un commento