domenica 23 giugno 2013

Come Curare la pulizia del gatto

                                                 

Il gatto domestico è un animale socievole ma indipendente.
Quindi, nell'averne cura bisogna tener conto dei suoi spazi e del rispetto delle sue esigenze avendo un'attenzione particolare alla sua igiene; salutare per l'animale e gli abitanti della casa.
Seguendo i passi di questa giuda imparerete le nozioni base per la toeletta e il comfort del vostro gatto.

Occorrono:
spazzola morbida con manico
pettine con due differenti serie di denti
cotone idrofilo
tagliaunghie con lame combacianti
cassetta igienica,cuccia, ciotola, trasportino

 COME FARE

                                                                  1
Pulizia del pelo. Se possiedi un gatto a pelo lungo è necessario spazzolarlo ogni giorno, mentre se il tuo gatto è a pelo corto è sufficiente una spazzolata alla settimana. Oltre a evitargli di ingurgitare troppo pelo, ne troverai di meno sparso per la casa. Inoltre il pelo ingurgitato potrebbe formare pericolose occlusioni intestinali all'animale; a scopo preventivo è utile somministrargli periodicamente un cucchiaio d'olio d'oliva aggiunto nel cibo. Spazzolare il gatto è anche un'occasione per verificare lo stato dell'epidermide, verificando se sono presenti parassiti o funghi.




2
Il bagno. Non temere del "famigerato" bagno: è generalmente vero che quasi tutti i gatti hanno timore dell'acqua, ma se viene abituato sin da piccolo, prenderà confidenza nel tempo e lo spingerai a superare la sua paura innata. Usate un catino di plastica, e se non avete dello shampoo neutro, del normale sapone di Marsiglia. Se, però, proprio non riesci a fare il bagno al gatto, e ogni volta rischi graffi e morsi: non temere, i gatti riescono a pulirsi il pelo sufficientemente bene anche da soli, leccandosi laboriosamente e facendosi aiutare da eventuali compagni per le parti che non riescono a raggiungere. Puoi, comunque, usare dello shampoo secco. Raccogli la schiuma su di una mano e frizionate dolcemente il pelo, quindi con un panno appena inumidito asciugatelo completamente.


                                                       

 3
Pulizia occhi e orecchie, taglio unghie.  Gli occhi del gatto vanno puliti ogni volta che si forma il residuo mucoso . Questo una volta indurito è difficile per il gatto eliminarlo con la zampa  Inumidisci un batuffolo di cotone con acqua tiepida e passalo delicatamente prima su un occhio, poi sull'altro.Il gatto non è in grado di pulirsi da solo la parte interna delle orecchie, quindi è necessario eliminare, il più spesso possibile, il cerume che si forma nel padiglione auricolare  Inumidisci del cotone con acqua tiepida o con un po' d'olio d'oliva e fissatelo su  un bastoncino, togli il cerume e asciuga le orecchie con altro cotone.Tagliare le unghie ai gatti non è un'operazione necessaria, soprattutto se gli metti a disposizione un pezzo di legno dove affilarsele  Quindi, tagliale solo se sono cresciute troppo, usa un taglia unghie a lame combacianti, stando attento a non tagliare troppo in alto dove sono presenti i vasi sanguigni.


4
La cassetta igienica. Il gatto copre i suoi escrementi per tentare di nascondere la sua potenziale esperienza al nemico; quindi se non vuoi trovare escrementi in luoghi nascosti della casa, abitua il tuo gatto alla cassetta igienica sin da cucciolo. Come cassetta dei bisogni usate un contenitore di plastica, piatto e robusto e riempitelo di sabbia, terra, o ghiaia speciale assorbiodori. Disponila in un luogo tranquillo e appartato e dove il gatto abbia libero accesso. Inoltre la sabbia va cambiata quotidianamente il gatto è un animale pulito non gradisce la vaschetta sporca; e la vaschetta lavata periodicamente con una soluzione che non lasci un odore troppo forte. Evita la candeggina, il gatto potrebbe intossicarsi.


Fonte
http://www.animalidalmondo.it/come-curare-la-pulizia-del-tuo-gatto-135712.html
Posta un commento