venerdì 12 luglio 2013

Come calmare un gatto iperattivo



Come molte ricerche scientifiche hanno ormai dimostrato, avere un animale un casa ha un effetto beneficio sulla salute, a volte addirittura terapeutico, come dimostrano le ampie applicazioni della pet-therapy.
Avere un gatto in casa, è dimostrato, aumenta il tono dell'umore ed abbassa la pressione sanguigna.

Tuttavia, non sempre è così: può capitare che il micio appena adottato si riveli un vero e proprio vandalo in perenne movimento,che sia iperattivo? Può darsi!


Prima di consultare un comportamentista, però,
 vediamo quali rimedi possiamo provare ad adottare.

Innanzitutto, bisogna tenere conto del fatto che il gatto è un felino, quindi in sostanza un predatore notturno. Per quanto il nostro gatto di casa possa sembrare diverso da un leone, in realtà tende a suddividere la sua giornata nello stesso modo, ossia dormendo di giorno ed entrando in attività al crepuscolo. E' quindi normale che il nostro gatto tenda a risvegliarsi verso sera, anche se ovviamente ciò può crearci non pochi problemi di convivenza.
Ci possono però essere cause meno "naturali" alla base dell'agitazione del nostro piccolo amico, che vanno ricercate nel primo periodo della sua vita.
Durante le prime settimane di vita, infatti, i gattini interagiscono continuamente tra di loro e con la madre; durante i giochi, mamma gatta insegna ai suoi piccoli a moderare la propria esuberanza ed a controllare la forze di morsi e graffi. Se il gattino viene separato dalla madre prima delle 8 settimane di vita, non avrà il tempo di imparare queste semplici "regole di convivenza".

Diventerà quindi un gatto agitato, che passa continuamente da un'attività all'altra correndo e saltando in giro; il gatto iperattivo può reagire con rabbia ai nostri tentativi di avvicinarci e calmarlo, mentre durante il gioco può finire con il farci male, non sapendo limitare la forza di graffi e morsi.
Se, dopo la separazione precoce dalla madre, il gattino viene portato in un ambiente poco stimolante ed il proprietario non è in grado di gestire il suo comportamento la situazione non può che aggravarsi, rendendo la convivenza sempre più difficile.

Come calmare un gatto iperattivo

Come appena detto, un ambiente poco stimolante non fa che peggiorare la situazione: se il gatto si annoia, farà il possibile per intrattenersi come può. Un primo rimedio per calmare il nostro gatto quindi quello di dargli qualcosa da fare: indispensabile quindi munirsi di giochi di vario tipo, magari cambiando spesso quelli lasciati a sua disposizione, in modo che abbia sempre qualcosa di nuovo.
Ai gatti piacciono molto i giocattoli oscillanti, da acchiappare, ma anche scatole e scatoloni di cartone da esplorare. Possono essere utili anche quei giocattoli, appositamente studiati, di tipo "rompicapo": di solito si tratta di un contenitore con piccole aperture all'interno del quale inserire del cibo, che possono tenere il gatto impegnato per ore nel tentativo di raggiungere il "premio". Anche dei semplici stracci possono servire allo scopo, soprattutto se vengono sostituiti spesso e forniscono quindi nuovi odori da assimilare. Il classico tiragraffi servirà poi a dare libero sfogo al suo istinto di affilarsi le unghie, anche in modo prepotente, salvando anche i divani di casa!


Oltre all'ambiente, anche il nostro modo di rapportarci con il gatto può modificare il suo comportamento, peggiorando il problema ma anche (per fortuna!) calmando l'animale e quindi migliorando la situazione.
Innanzitutto, è inutile punirlo: si aggiungerebbe infatti un ulteriore situazione di stress e non è raro, in questi casi, che emergano nuovi problemi comportamentali come ad esempio lo sporcare fuori dalla cassetta igienica  La cosa migliore è ignorarlo, anche quando viene a disturbarci durante la notte .

Per quanto sia difficile resistere alla tentazione di farlo smettere sgridandolo o dandogli da mangiare, avere la nostra attenzione sarà per lui una ricompensa e si sentirà quindi ancora più motivato a "stuzzicarci"  Sempre in tema di disturbo notturno, sarebbe bene non permettere al gatto di entrare in camera da letto, e soprattutto non consentirgli di giocarci, in modo che associ la stanza solo al sonno.
Se siamo stati fuori casa tutto il giorno, è naturale che al nostro rientro il gatto si agiti, per cui dobbiamo trovare un po' di tempo da dedicargli, tenendo conto che più lo facciamo giocare e scatenare alla sera, tanto più sarà stanco e vorrà riposarsi durante la notte.
Un ultimo trucchetto è quello di dargli una generosa porzione di cibo poco prima di andare a letto; una volta sazio, si dedicherà alla pulizia personale e poi si metterà tranquillo a dormire, almeno per qualche ora!



Fonte
http://www.animalidalmondo.it/come-calmare-un-gatto-iperattivo-151369.html
Posta un commento