giovedì 2 maggio 2013

La Strana storia del Gatto Tommasino


       Questa e' una storia di due anni fa ,merita comunque di leggerla per la sua particolarita'

                     Il micio ha ereditato dieci milioni di euro dalla padrona 94enne


                                                                       Tommasino

ROMA

Una vita da amico fedele premiata con dieci milioni di euro.
 E' la strana storia di Tommasino, il gatto randagio che ha ereditato una fortuna dall'anziana padrona, deceduta a 94 anni, senza parenti ma con l'affettuosa compagnia del suo amico a quattro zampe.

Animalista convinta e che fino in fondo ha tenuto fede al suo amore per gli animali.

Maria Assunta, 94 anni, originaria di Potenza ma da decenni abitante a Roma, si è spenta due settimane fa, dopo che nell'ottobre 2009, aveva stilato un testamento olografo a dir poco singolare. Aveva lasciato il suo intero patrimonio immobiliare, tra cui una villa all'Olgiata, e due appartamenti a Roma e Milano, ed alcuni terreni, nonché il suo patrimonio mobiliare (la defunta era titolare di diversi conti correnti presso l'Unicredit Banca ed il Monte dei Paschi di Siena)... al suo affezionato Tommaso, che lei chiamava Tommasino, che non è né il piccolo nipotino, né il maggiordomo, bensì il suo gatto che aveva trovato abbandonato, appena nato, vicino ad un cassonetto dell'immondizia.

Nel testamento olografo, del quale erano stati nominati esecutori testamentari gli avvocati Marco Angelozzi, Anna Orecchioni e Giacinto Canzona, veniva istituito un legato a favore della persona - fisica o giuridica, o dell'associazione, animalista che sarebbe stata individuata dagli esecutori testamentari - e che sarebbe divenuta erede dell'ingente patrimonio con il perentorio onere di occuparsi del gatto Tommaso e, successivamente alla dipartita del fortunato animale domestico, degli altri animali abbandonati; potendo per questo utilizzare un patrimonio stimabile intorno ai 10 milioni di euro.

Dopo oltre un anno nel quale sono pervenute agli esecutori testamentari centinaia di richieste da tutta Italia di possibili "candidati" all'ambiziosissimo incarico di erede ab legato, nel maggio 2011 è stata scelta una infermiera professionale di 48 anni, Stefania, romana, la quale si è presa cura dell'anziana donna fino alla fine. Ora Stefania - anche lei amante degli animali e che ospita parecchi nella sua casa fuori città, spiegano gli avvocati che hanno seguito la strana storia del micio milionario - porterà a casa, insieme a Tommasino, un patrimonio stimabile in circa 10 milioni di euro.

Per la fortuna del micio e degli animali abbandonati.

Fonte
http://www.lastampa.it/2011/12/09/societa/lazampa/la-strana-storia-di-tommasino-da-gatto-randagio-a-milionario-7fxY2JoZndwo1vNjR207bJ/pagina.html
Posta un commento