martedì 19 marzo 2013

Ciccio un gatto Randagio Fortunato



IL Gatto Ciccio, vecchio micio salvato dal freddo

 Ciccio sarebbe venuto a mancare. La neve e il gelo dei giorni scorsi lo avrebbero spazzato via. Ma non è andata così. E questo grazie al buon cuore dei volontari della Lav, di alcuni amanti...


                                                          Ciccio
LIVORNO
Ciccio sarebbe venuto a mancare.
La neve e il gelo dei giorni scorsi lo avrebbero spazzato via.
 Ma non è andata così e questo grazie al buon cuore dei volontari della Lav, di alcuni amanti degli animali e di Paolo Morelli, scrittore e autore di vignette, Oggi Ciccio ronfa al caldo sopra un cuscino gigante, nella sua nuova casa.
E forse non si è nemmeno reso conto della fortuna che ha avuto.
 Ma chi è Ciccio? «Ciccio è un maturo gatto randagio, maschio, grigio tigrato, di taglia media, avvezzo alla dura legge della strada.
È un bel gatto, sembra una piccola lince. È zoppo, probabilmente per le conseguenze di un incidente stradale - racconta Paolo - . Combatte il freddo facendo suoi gli spicchi di sole dei prati e del cemento: fa pena, a vederlo si stringe il cuore.
Assai diffidente, è tranquillo di carattere e preferisce sempre il profilo basso all'affilarsi le unghie per ingaggiar battaglia: in sintesi, è parecchio intelligente, il che gioca senz'altro a favore della sua sopravvivenza».
 Bazzica il rione Scopaia, specialmente via Scozia, via Inghilterra e via Norvegia, dove alcune famiglie gli danno del cibo quotidianamente.
 A Paolo, che abita in zona, viene in mente di adottarlo.  grazie alla gentile cooperazione e alla puntuale consulenza di alcuni volontari della Lav (la Lega Anti Vivisezione) e all'aiuto determinante di una famiglia del posto che nutre affetto nei suoi confronti, lo porta nella propria casa. «Ciccio - dice Paolo - ha avuto davvero fortuna. L'ho portato in casa e, dopo pochi giorni, è arrivata l'ondata di neve e gelo. È un gatto un po' anziano: non ce l'avrebbe fatta. Inconsapevolmente, non gli abbiamo regalato una "nuova vita": gli abbiamo regalato "la vita».
  «In casa - racconta ancora - nei primi giorni era perplesso. Ora, dopo circa un mese, durante il quale ha già ricevuto le prime cure mediche, si è già ambientato e fa il ribaldo: si fa accarezzare tranquillamente, dorme su sedie, divani e dove capita, apprezza la compagnia e si fa capire con i suoi miagolii».

Fonte
http://iltirreno.gelocal.it/livorno/cronaca/2012/02/18/news/gatto-ciccio-vecchio-micio-salvato-dal-freddo-1.3197399
Posta un commento