domenica 20 gennaio 2013

Donna Getta nel Cassonetto Gattino

                   Inghilterra: il popolo del Web ed un gatto maltrattato. Il video e la vicenda

24 Agosto 2010
Una donna getta un gatto in un cassonetto, ma un video la incastra e finisce sul Web ...

a cura di Adriana Silvestro

Talvolta sono gli eventi ed i gesti più inspiegabili, le azioni ed i comportamenti apparentemente più immotivati quelli che scioccano maggiormente il pubblico, come se fungessero da rivelatori di una pericolosa e folle crudeltà, travestita da falsa normalità.
E' ciò che sta accadendo in seguito al video pubblicato in rete di un episodio inquietante accaduto a Coventry, in Inghilterra, e filmato da alcune telecamere di sicurezza ad insaputa dell'autrice:
 - alle 7.30 del pomeriggio di sabato 21 agosto, in una strada di Coventry, una robusta donna di mezz'età vede un gatto su un muretto. Si ferma, fa per accarezzarlo, si guarda intorno per accertarsi di non essere osservata, lo afferra improvvisamente, apre un cassonetto della spazzatura, vi getta il povero animale, chiude il cassonetto e va via.
Il micio ha trascorso tutta la notte chiuso lì dentro, finché verso le 11.00 della domenica mattina la proprietaria, uscita a cercarlo, lo ha sentito miagolare e lo ha ritrovato. Il gatto stava bene.
Poco più tardi, guardando il video registrato dalle telecamere posizionate sulla casa, i proprietari hanno scoperto cosa realmente fosse accaduto al loro povero micio. La sera stessa hanno pubblicato il video su You Tube e su Facebook, chiedendo al popolo della rete se qualcuno potesse fornire informazioni utili ad identificare la donna.
La notizia è stata diffusa la sera stessa da tutti i telegiornali serali inglesi - BC, ITV, C4 e anche da Sky News - ed il giorno successivo è apparsa sui maggiori quotidiani del Regno Unito.
La Polizia di Coventry, ricevuta la denuncia, si è rivolta alla RSPCA (Royal Society for the Prevention of Cruelty to Animals), che però non ha a su disposizione degli investigatori. La Polizia e la RSPCA, insomma, si sono limitati ad attendere di essere avvisati da qualcuno che avesse riconosciuto la donna e potesse rivelarne l'identità.
Per le vie di Coventry, a questo punto, si è formato un piccolo esercito di amanti degli animali e gattofili -tutti molto arrabbiati, anche a causa del tergiversare della Polizia e della RSPCA ...- che si è messo alla ricerca dell'autrice dell'orrendo atto ...
La colpevole è stata identificata e denunciata: si chiama Lola e lavora come impiegata in una banca. Maggiori dati sulla sua identità non sono reperibili.
La donna ha ora chiesto protezione alla Polizia, perché teme ritorsioni da parte di qualcuno ...
Concedendoci una battuta: se fosse vigente la legge del contrappasso, un'adeguata protezione le potrebbe essere offerta da un cassonetto blindato in cui trascorrere una notte. O più.
                                                                        il video

Posta un commento