sabato 15 giugno 2013

Jerry il cane sepolto vivo e' morto




Si è spento Jerry, il breton di 14 anni che tempo fa aveva commosso l’Italia. Il cane, nell’autunno del 2011, era stato sepolto vivo dal suo padrone e fu salvato solo dopo 40 ore di lamenti ininterrotti. 



Per chi non si ricordasse la vicenda, proviamo a fare un passo indietro dicendovi che si tratta del cane di nome Jerry, allora 13 anni, che è stato salvato da due fidanzatini dopo essere stato sepolto vivo dal suo padrone. I due ragazzi, mentre passeggiavano, hanno sentito un rumore soffocato sotto a dei calcinacci e hanno scoperto che si trattava di un cane e insospettiti hanno chiamato i vigili urbani di Desenzano che hanno fatto la tragica scoperta e il miracoloso salvataggio.


 Il proprietario ha sempre dichiarato che il suo cane era morto nel momento in cui l’ha sotterrato. Ma nonostante l’uomo sembri sincero, è molto strano credere alla resurrezione di un cane e sicuramente l’uomo non la passerà tanto liscia ed è consapevole di averla fatta grossa.

 Quello che ha colpito molto in questo servizio sono stati i filmati del momento in cui il povero cagnolino è stato dissotterrato, ancora bendato e legato.
 Jerry è stato miracolosamente salvato dalla morte perchè aveva voglia di vivere e ha chiesto aiuto con le sue ultime forze.
Il piccolo Jerry, che ora si è ripreso, non meritava tutto questo!


La sua padrona ha annunciato la notizia della morte - Ed è stata proprio Sara, secondo quanto ha riportato la stampa bresciana, ad annunciare la morte del suo Jerry: “Tutto ciò che mi rimane è un pacchettino con due ciuffetti di pelo chiaro scuro, un guinzaglio, una pettorina rossa, mille foto fatte insieme e 535 giorni circa indimenticabili”.

Queste le parole affidate ai social network dalla nuova padrona che ha così detto addio al suo cane. Questa volta, infatti, nessuno ha potuto salvare Jerry che però si è spento in pace, circondato da una famiglia che gli voleva bene.

                                                                    Il video          
Posta un commento