giovedì 21 febbraio 2013

I Gatti e L'acqua


C’è chi parla di semplice luogo comune, e chi invece di legge assoluta: i gatti odiano l’acqua.



A sostegno di questa tesi basta pensare a quelle che sono le origini dell’animale, abituato prima della domesticazione a vivere in ambienti aridi e secchi come la savana, piuttosto che foreste o praterie, in ogni caso in luoghi che con il mare centrano ben poco.
 La struttura anatomica stessa del gatto non è adatta al movimento in acqua, non avendo infatti, a differenza dei cani ad esempio, le zampe palmate.

Questo non significa però che il gatto non sappia nuotare, al contrario, se necessario per la sua sopravvivenza, può pensare bene di mettere da parte questa sua paura.
Proprio di paura bisognerebbe quindi parlare, legata al fatto che l’acqua, soprattutto quella stagnante, rappresenta una situazione anomala e sconosciuta di cui il felino non si fida. Pare sia tutta una questione di Imprinting cioè dell’apprendimento di base degli animali nei primi istanti di vita che si registra all’interno di uno specifico periodo detto critico, in cui si è predisposti biologicamente ad acquisire nozioni e abilità da sfruttare poi in futuro.

In parole semplici: se volete che il vostro gatto non abbia paura dell’acqua, basta abituarlo a questo ’strano’ elemento fin da cucciolo.

Pochi però i padroni che pensano a questa eventualità, forse anche perché di fatto un gatto non ha quasi mai bisogno di essere lavato con acqua, sa gestire la propria igiene diligentemente da solo. Inoltre alcuni studiosi sostengono che i gatti odino essere lavati in quanto temono di poter perdere parte dei loro feromoni, necessari per riconoscere se stessi e farsi identificare anche dagli altri felini.

Risulta comunque difficile parlare di odio vero e proprio nei confronti dell’acqua. Molti i gatti ad esempio che non riescono a fare a meno di giocare con quella che gocciola da una tubatura o altri che amano immergere le zampine sul getto del rubinetto di un lavandino. Forse si può quindi pensare a un odio riservato più che altro a quella stantia. La maggior parte dei gatti ad esempio, pur avendo la ciotola piena d‘acqua, miagola con insistenza per farsi aprire l’acqua corrente di un lavandino o del bidet, oppure si cimenta in acrobazie impossibili per berne un po’ dal WC!


Insomma, gatti e acqua, un rapporto veramente complicato, un rapporto di odio-amore.

     You Tube
                                                        

Fonte
http://www.animaliblog.com/i-gatti-e-lacqua-un-rapporto-di-odio-amore/654


Fonte
http://www.animaliblog.com/i-gatti-e-lacqua-un-rapporto-di-odio-amore/654
Posta un commento