venerdì 18 gennaio 2013

Oscar IL Gatto con un Potere Straordinario



                                 OSCAR il Gatto CHE sente LA MORTE

26/07/2007


Niente paura. E non scrutate il vostro gatto, temendo di riconoscere nelle sue movenze le stesse adottate da Oscar, il gatto con il "dono". Il felino, mascotte della casa di cura geriatrica Steere House negli Stati Uniti, ha sì predetto la morte di 25 ricoverati in due anni, ma è unico e non effettua trasferte. Oscar pratica la sua attività di sensitivo al terzo piano del nosocomio, nel reparto riservato a pazienti affetti da demenza in fase terminale. David  M. Dosa, medico in servizio presso l'ospedale e il Rhode Island Hospital di Providence, ha spiegato così lo strano caso del felino sensitivo: "Non è bizzarro che gli ospedali geriatrici abbiano mascotte. Steere House ne ha diverse che vivono in un edificio e danno compagnia e consolazione ai degenti". 
Sottovalutato se non addirittura ignorato a principio, il "dono" di Oscar si è manifestato in tutta la sua straordinarietà circa un anno e mezzo fa. Quando accade una volta un tal fatto di parla di casualità, quando si nota una seconda forse si inizia a pensare ad una coincidenza, alla terza è già una certezza. Il monitoraggio sulle predizioni del gatto "sensitivo" ha indotto il dottor Dosa a pubblicare un articolo sulla rivista medica "The New England Journal of Medicine".

Oscar si fermava a lungo solo nelle stanze di alcuni pazienti. Quelli che dopo poche ore passavano a miglior vita. Se qualcuno provava a tenere Oscar lontano dalla stanza di un paziente dove voleva entrare il micio graffiava la porta insistentemente nel tentativo di aprirla. Quando gli infermieri hanno provato a decidere per lui, mettendolo sul letto di un paziente che pensavano fosse vicino alla morte, Oscar è sceso, è entrato in un’altra stanza e si è seduto accanto ad un altro paziente morto la sera stessa. Nella casa di cura ci sono altri cinque gatti ma nessuno ha le capacità di Oscar che ormai dopo 50 casi è diventato un vero e proprio indicatore. I medici quando Oscar entra in una stanza e si ferma più del dovuto sanno che è il momento di avvisare i familiari.
 Ha aggiunto Dosa che è anche professore della facoltà di medicina Warren Alpert, all'università di Brown, a Providence. 

"Nella casa di cura ci sono altri cinque gatti ma nessuno ha le capacità di Oscar che ormai dopo 50 casi è diventato un vero e proprio indicatore"
La spiegazione che ha fornito il professor Dosa è legata alle capacità degli animali di sentire cose che noi esseri umani non riusciamo a percepire. Scientificamente, esistono prove che attribuiscono agli animali qualità che consentono di intuire l'arrivo dei terremoti. La "dote" di Oscar, secondo il medico, risiede nell'olfatto. La supposizione che avanza il professore, è che il gatto possa avvertire l'odore del feromone a noi sconosciuto. E comprendere quando è il momento di salutare chi sta andandosene.
La cosa più incredibile di questa storia è che mai nessuno, in nessun momento, ha pensato che Oscar potesse “portare male”, esattamente come accade per il tradizionale “gatto nero”. Molti familiari dei pazienti invece sono stati confortati dalla sua presenza e talvolta lo hanno ricordato nei necrologi affissi per strada o pubblicati sui giornali.

Oggi Oscar ha un profilo su facebook (Oscarthecat), quasi mille fans e non sa di essere così famoso. In fondo Oscar di mestiere fa solo il gatto.



Posta un commento